anna_on_the_carpet copia

A dire molto di me sono le mie radici. Friulana, sono nata e cresciuta a Majano.

Amo scrivere e raccontare. Da sempre. Ma solo da qualche anno ho trasformato questa passione in un lavoro. Prima del giornalismo ho fatto ricerca e formazione nei settori dell’immigrazione e delle politiche giovanili, lavorando con associazioni no-profit e istituzioni.

Sono stata educata alla partecipazione che è diventata dimensione naturale del mio abitare un territorio e la sua comunità. Attiva nel mondo dell’associazionismo e del volontariato, sono tra i fondatori di Giovani territori e del Circolo culturale Majano c’è 1.5.9. Collaboro con l’Associazione Pro Majano. Sono socia di Oikos onlus dove do una mano con le attività a favore dei richiedenti asilo inseriti nel Progetto Aura del Comune di Udine. Da maggio 2011 al maggio 2016 sono stata consigliere comunale a Majano.

Leggo tanto. Di tutto. Ma sul mio comodino ci sono gli amici più cari. Pronti, per ogni evenienza, ad essere sfogliati. Kapuscinski (in pole «Imperium» e «In viaggio con Erodoto»), Terzani, Calvino e Pessoa. E poi gli americani. Kerouac (quello dei «Sotteranei»), Bukowski, i poeti della Nanda e Robert Frost. Al di là delle passioni musicali del momento (che sono parecchie), ascolto Patti Smith, David Bowie, PJ Harvey, Jimi Hendrix e i Placebo. E nella mia adolescenza sono stata irrimediabilmente infettata dal grunge, oggi sono portatrice sana di disagio.

Sono innamorata dei Balcani, della loro ingarbugliata storia, della loro cultura. Appena posso scappo a Est. Sarajevo è dove ho lasciato un pezzo di cuore (e dove ogni tanto vado a vedere come sta).

Scatto qualche foto. E mi piace — molto — la tecnologia.

Adoro i tatuaggi.

Mi interesso di politica e attendo con inesausta (per molti ingenua) fiducia che in Italia il vento cambi e arrivi, per tutti, il tempo della politica buona, quella che costruisce guardando al bene comune.